venerdì 13 settembre 2013

Fiume Foro: le Guardie Volontarie del WWF denunciano otto persone per abbandono di rifiuti.

COMUNICATO STAMPA DEL 13 SETTEMBRE 2013

Le Guardie Volontarie del WWF denunciano otto persone per abbandono di rifiuti.
L’associazione ambientalista impegnata concretamente contro il degrado ambientale del fiume Foro.

Le Guardie WWF ispezionano i rifiuti
ORTONA/FRANCAVILLA AL MARE – A seguito di diversi sopralluoghi nel tratto finale del fiume Foro, dove è più evidente la presenza di rifiuti di ogni genere, le Guardie Giurate volontarie del WWF sono riusciti ad ottenere buoni risultati allo scopo di interrompere gli abbandoni dei rifiuti che oramai costeggiano ovunque l’argine del fiume. Dall’ispezione di alcuni elementi riscontrati sul luogo, è stato possibile risalire a ben otto probabili responsabili di questi illeciti che sono stati già denunciati.

Le Guardie WWF hanno inviato all’Autorità Giudiziaria dei circostanziati rapporti che permetteranno di attribuire delle sanzioni di carattere amministrativo o penale, a seconda della natura giuridica dei trasgressori. Ma soprattutto questo consentirà di far accollare ai colpevoli le spese per la rimozione dei rifiuti ed il ripristino dello stato dei luoghi. 

Sono state inoltre verificate diverse attività di pesca illecite nel tratto prospiciente la foce del fiume Foro. A seguito di un recente intervento è stata sequestrata una rete di oltre 40 metri ma non è stato possibile identificare il trasgressore in quanto si dava alla fuga. 

Dichiara Claudio Allegrino, Coordinatore delle Guardie Giurate WWF: le condizioni ambientali del fiume Foro nel tratto finale ricadente tra i Comuni di Francavilla al Mare ed Ortona sono preoccupanti. Il WWF denuncia da anni le condizioni di degrado del fiume Foro che viene utilizzato come luogo di scarico ed abbandono di rifiuti di ogni genere. In tanti ne approfittano anche perché non risultano azioni repressive da parte delle Polizie Locali e perché non esiste alcuna iniziativa degli Amministratori comunali per la tutela dei luoghi.

Ma le nostre iniziative non bastano sicuramente: non è pensabile che un gruppo di cittadini che svolgono attività di volontariato nel WWF debbano o possano sostituirsi ai doveri dei Pubblici Amministratori che sono tenuti a vigilare il proprio territorio.

Conclude Claudio Allegrino: i Comuni di Francavilla al Mare ed Ortona spendono decine di migliaia di euro l’anno per bonificare le discariche abusive. E’ ora di fermare questo sperperio di denaro pubblico procedendo da subito a chiudere o a regolamentare l’accesso agli automezzi non autorizzati al lungofiume Foro, e ad avviare azioni repressive contro gli inquinatori come già sta avvenendo con successo in altre città abruzzesi. 

 






4 commenti:

Lilli ha detto...

Ottimo lavoro!
Le denunce potrebbero inoltre essere un deterrente.

Anonimo ha detto...

super bravissimissimi!
fabrizia

Ilaria ha detto...

sì bravissimi!

@enio ha detto...

gente senza nessun senso civico abituati ad agire in maniera insensata anche oggi che ci sono infinite possibilità per poter smaltire in maniera corretta i rifiuti